Asimmetrie e poteri nella relazione

Si è abituati ad affrontare il problema della violenza di genere  a partire dalle donne, occupandoci del loro sostegno, della loro tutela legale, individuando protocolli di intervento e percorsi condivisi  con le forze dell’ordine, i servizi sociali e le autorità giudiziarie, al fine di assicurare alla donna la fuoriuscita dal circuito della violenza.

Ma se non proviamo ad affrontare anche il problema culturale e del sostegno all’uomo nel riconoscimento della propria condotta violenta e delle ragioni che la scaturiscono, non possiamo avviare un vero cambiamento.

E’ per questa ragione che l’associazione La Rete delle Donne ha voluto organizzare nella serata di ieri a San Maurizio Canavese, presso Casa Marchini Ramello, in occasione degli eventi di marzo, un iniziativa con l’associazione Il Cerchio degli Uomini, che di questo si occupa ormai da circa 18 anni.

Ma perché parlare di violenza di genere in occasione dell’8 marzo, giornata tipicamente dedicata ai bilanci sulle battaglie e sulle conquiste delle donne e di quanto occorra  ancora fare per una parità di trattamento? Il perché è evidente: se parto dal presupposto che la donna è il “sesso debole”, che è seconda, se non la vedo, se per me rappresenta un vuoto, se sono incapace di riconoscerle spazio e valore, agisco prevaricazione e  violenza psicologica se non addirittura quella fisica. Minore è il contatto più aumenta la violenza.

Quanti ostacoli, incomprensioni e pregiudizi le donne debbono ancora affrontare. Eppure quello femminile è un impegno, il più delle volte silenzioso, che si svolge lontano dai riflettori; la donna offre alla società più di quanto riceva in cambio e ciò nonostante la sua azione continua ad essere risoluta, paziente e molto spesso coraggiosa.

L’obiettivo della serata, attraverso la visione di un video e l’interazione con il pubblico presente, è stato dunque quello di stimolare riflessioni interessanti sui generi, partendo dal ruolo maschile nella relazione di coppia.

Fabiola Grimaldi

 

 

 

 

Lascia un commento